Incidenti di percorso

Ero all’aeroporto ed ero felice: non vedevo l’ora di partire per le mie vacanze, e tutto sembrava essere veramente perfetto, dato che non vedevo l’ora di poter viaggiare con la mia famiglia.
Ma purtroppo, un momento di gioia come questo si è trasformato in un vero incubo: non è successo nulla di così grave ed eclatante, ma semplicemente, all’aeroporto della mia destinazione, il mio bagaglio era stato perso.Non ci potevo credere: ero contenta inizialmente ma, man mano che passava il tempo, questa sensazione positiva diventava negativa.
Più vedevo che le persone uscivano da questo luogo con la loro borsa, più aumentava la mia ansia.
Non avevo nulla di prezioso o particolare all’interno della valigia, ma avevo diversi ricambi e alcuni oggetti per caricare il mio lettore musicale ed anche il telefonino.
Passarono due ore, e decisi di rivolgermi agli addetti dell’aeroporto: con mio immenso stupore, mi sono accorta che queste persone non sapevano affatto come darmi una mano.
Ero veramente furiosa: il mio bagaglio era sparito nel vuoto cosmico e nessuno sembrava avesse idea di che fine questo avesse fatto, come se fosse stato ingoiato da una nube nera e da qualche buco nero.

Non capivo come comportarmi: sentivo che la mia vacanza era iniziata col piede sbagliato e soprattutto rischiavo di rovinarla anche alla mia famiglia.
Stavo per disperarmi e aggredire anche la mia famiglia, quando ad un certo punto mi ricordai che, la soluzione ideale, era quella di recarmi in un’agenzia di risarcimento.

Dopo averne cercata qualcuna sul web, decisi di recarmi a quella più vicina alla mia destinazione: attesi pochissimo tempo, e questo è stato un colpo di fortuna, visto che temevo che in questi luoghi si passasse una giornata intera prima di essere servita.

Decisi di mantenere la calma e di analizzare la situazione: parlai con un giovane addetto, che mi chiese di spiegargli per bene la situazione, in maniera tale che potesse effettuare tutte le operazioni adatte per poter risolvere questo mio problema tutt’altro che piacevole.

Dopo averci parlato, ed aver fatto la lista degli oggetti presenti nel bagagliaio, l’addetto inviò la pratica, in maniera tale che questa potesse essere analizzata.
Passarono due giorni e mi recai nuovamente all’agenzia, dove l’addetto, con un grande sorriso, mi spiegò che il rimborso era stato accettato, visto che la colpa era della compagnia aerea.
Pertanto ricevetti il rimborso immediatamente: se vi capitano situazioni del genere, che minano la vostra vacanza, vi consiglio di rivolgervi a queste agenzie, in grado di poter riuscire a risolvere, rapidamente, questi problemi che spesso si manifestano all’improvviso quando si viaggia.

Dic 22, 2015 | Postato da nel Viaggi | Commenti disabilitati su Incidenti di percorso